Dove va l'Economia della Cultura?

Giovedì, 13 Novembre, 2014
Luogo: 
Firenze

L'impegno territoriale dell'investimento pubblico/privato nei Beni Culturali

Convegno promosso dal Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze, in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, ICOMOS Consiglio Italiano dei Monumenti e dei Siti, con il contributo della Banca di Credito Cooperativo di Cambiano

Giovedì 13 novembre dalle ore 10:30 alle ore 18:30 - Sala Forni 

La crisi economica sta soffocando la cultura: lo Stato taglia gli investimenti, i privati lesinano i fondi, i consumi culturali degli italiani calano, la politica culturale è ancora impegnata a decollare.
Pesano i tagli agli investimenti pubblici e privati: gli stanziamenti a favore del Ministero dei beni culturali sono diminuiti negli ultimi dieci anni del 27,4 per cento e un ulteriore calo del 3 è messo in conto per il prossimo triennio; gli investimenti che i Comuni dedicano alle attività culturali fra il 2011 e il 2012 (ultimi dati disponibili) hanno subito un taglio del 9,4 per cento, quelli delle Province del 25.
E le cose non vanno meglio sul fronte privato: fra il 2008 e il 2013 le sponsorizzazioni sono diminuite del 41 per cento, anche se si segnala una lieve ripresa negli ultimi mesi, le fondazioni bancarie hanno stretto i cordoni della borsa (meno 9 per cento fra il 2011 e il 2012), le erogazioni da parte di persone. Lo scorso anno la spesa delle famiglie italiane per attività culturali e ricreative è stata pari a 66,6 miliardi, per una media mensile di 225 euro. Il 3 per cento in meno rispetto al 2012 che già aveva tagliato il 4,4 per cento rispetto al 2011 imprese o enti sono crollate del 26,6.
Convinta che il Paese potrà ripartire solo se riparte la cultura, la Banca di Cambiano, la più antica banca di credito cooperativo operante, dal 1884, in Italia, il cui core business è l’economia del territorio, con il Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze, propone una giornata di riflessioni con molti autorevoli attori coinvolti in questo delicato processo.
La finalità del convegno è porsi interrogativi finalizzati ad avere risposte concrete su come, ripartendo dal territorio e investendo nei beni culturali, favorire la crescita, la prosperità e la qualità della vita della collettività: dalla legge sul mecenatismo, alle agevolazioni fiscali per imprese e privati, alle sponsorizzazioni e normative, alla situazioni delle Onlus, sino alle case history di imprese che operano nell’ambito dei beni culturali e del turismo.

Programma interventi: 

Autorità: 10:30 – 10:35  Ilaria Borletti Buitoni – Sottosegretario del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

Saluti
10:35 – 10:40 Cristina Acidini - Presidente del Comitato tecnico-scientifico del Salone dell’Arte e del Restauro di Firenze, già Soprintendente per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico per il Polo Museale della città di Firenze
10:40 – 10:45  Maurizio Di Stefano – Presidente ICOMOS, Consiglio Italiano dei Monumenti e dei Siti
10:45 – 10:50  Marco Ciatti – Soprintendente dell’Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze
10:50 – 10:55 Paolo Regini - Presidente Banca di Credito Cooperativo di Cambiano

Relazioni del mattino
11:00 – 11:15  Antonio Paolucci - Direttore dei Musei Vaticani

“Problemi di conservazione preventiva: il caso della Cappella Sistina”

11:15 – 11:30  Maurizio Cibrario - Presidente della Consulta per la Valorizzazione dei beni Artistici e Culturali di Torino
“Il modello Consulta nel Rinascimento culturale torinese”

11:30 – 11:45 Giovanna Segre - Università IUAV di Venezia, Professore associato di Economia della cultura
“Il ruolo della cultura nell'Agenda dello sviluppo post-2015”

11:45 – 12:00  Patrizia Asproni - Presidente Confcultura
“Un patrimonio da valorizzare”

12:00 – 12:15  Gaetano Aiello - Università degli Studi di Firenze. Professore ordinario Dipartimento di Scienze per l'Economia e l'Impresa
"Valorizzare la cultura"

12:15 - 12:30  Anna Maria Buzzi - Direttore Generale per la valorizzazione del patrimonio culturale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
“Pubblico – Privato per la valorizzazione dei Beni Culturali / ARTBONUS”

Pausa  

14:30 – 14:45  Simonetta Brandolini d’Adda - Presidente Fondazione No Profit Friends of Florence
“Friends of Florence per Firenze e la Toscana: un esempio di ciò che in Italia si può fare per la salvaguardia del patrimonio culturale”

14:45 – 15:00  Marco Bellandi – Presidente della Fondazione per la Ricerca e l'innovazione
"Esperienze e prospettive su città sostenibili, patrimonio culturale e turismo"

15:00 – 15:15  Alvise di Canossa – Presidente Art Defender S.p.a.
"Proteggere il patrimonio pubblico e privato"

15:15 – 15:30  Renzo Salimbeni - Coordinatore Centro Ricerca e Impresa – CNR
“La crisi e l'investimento in ricerca nel settore del patrimonio culturale"

15:30 – 15:45  Laura Speranza – Direttore Settore restauro materiali ceramici e plastici, Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze
"La Madonna di Santa Trinita a Firenze. Il restauro di una terracotta attribuita a Donatello con il contributo della Banca di Cambiano"

15:45 – 16:00  Eleonora Squeri - Ufficio Raccolta Fondi Aziende dei FAI
“Il caso FAI – Fondo Ambiente Italiano e Prada per il restauro dell’Ultima Cena di Giorgio Vasari”

16:00 – 16:15  Lorenzo Benini - Imprenditore, Trust di Scopo Sostratos, Firenze
“Finanziamento di progetti finalizzati attraverso lo strumento del Trust di Scopo”

16:15 – 16:30  Nicola Bedogni – Consigliere ASSIF - Associazione Italiana Fundraiser
"Fundraising per la cultura e cultura del fundraising: a che punto sta l'Italia?"

16:30 – 16:45  Antonio Mansueto, Responsabile Gruppo Beni Culturali AIAF introduce
Michele Gucci - Dottore Commercialista, Socio AIAF 
“Economia e Beni Culturali, distanze in avvicinamento?”

Conclusioni:  Francesco Bosio - Direttore Generale Banca di Credito Cooperativo di Cambiano
Coordinatore: Maria Siponta de Salvia

Saluti: Ilaria Borletti Buitoni, Cristina Acidini, Maurizio Di Stefano, Marco Ciatti, Paolo Regini

Relatori: Antonio Paolucci, Maurizio Cibrario, Giovanna Segre, Patrizia Asproni, Simonetta Brandolini d’Adda, Anna Maria Buzzi, Gaetano Aiello, Marco Bellandi, Alvise di Canossa, Renzo Salimbeni, Laura Speranza, Eleonora Squeri, Lorenzo Benini, Nicola Bedogni, Antonio Mansueto, Michele Gucci, Francesco Bosio

Visita il sito del Salone dell'Arte e del Restauro di Firenze