Osservatorio ESG

Lunedì, 27 Febbraio, 2017

IRLANDA, IL FONDO SOVRANO DICE NO AL CABONE

Il parlamento irlandese ha approvato il 26 Gennaio 2017 il Fossil Fuel Divestment Bill 2016, un provvedimento finalizzato ad evitare futuri investimenti nazionali in società che operano nel settore dei combustibili fossili da parte dell’Ireland Strategic Investment Fund (ISIF), il fondo sovrano irlandese, il cui mandato istituzionale è quello di investire a lungo termine capitali pazienti per supportare l’attività economica e l’occupazione in Irlanda integrando i fattori ESG nelle decisioni di investimento.

Se tale proposta di legge passerà il test della commissione finanziaria, nei prossimi mesi farà dell’Irlanda uno dei primi paesi ad aver messo al bando i combustibili fossili assieme alla Norvegia che già dalla metà dell’anno 2015 ha approvato una misura che chiede al fondo sovrano Norway Government Pension Fund Global (GPFG) di avviare il disinvestimento dalle aziende pesantemente coinvolte con l’estrazione, il trasporto o la combustione del carbone.

Passata con 90 voti a favore contro 53 contrari, la legge, proposta dal deputato indipendente Thomas Pringle, si pone come scopo la cancellazione di tutti gli investimenti fatti dal fondo ISIF in società impegnate completamente o in parte in attività di esplorazione, estrazione, raffinazione, trattamento o la consegna dei combustibili fossili (depositi geologici) che dovranno nel corso dei prossimi cinque anni essere spostati verso imprese o investimenti più green.

“I governi nazionali devono giocare un ruolo essenziale nell’implementare i propri impegni presi a Parigi – ha commentato il deputato Thomas Pringle – assicurando che i fondi pubblici supportino la transizione verso l’energia pulita e siano al riparo dall’inevitabile declino dell’industria dei combustibili fossili”.

Indicare al fondo ISIF di avviare un processo di dismissione dai combustibili fossili è, non solo, una iniziativa sostanziale alla lotta contro il cambiamento climatico, ma anche un atto simbolico per accelerare un tempestivo processo di decarbonizzazione, adottando una metodologia di investimento dei fondi pubblici in modo finanziariamente sostenibile.

ISIF - Sustainability and Responsible Investment Policy

Disinvestire dai combustibili fossili rientra già nell’operatività di sostenibilità del Fondo ISIF che ha sottoscritto i Principles for Responsible Investment (PRI) e la sua strategia di investimento pone già una forte enfasi sui temi ambientali, sociali e la governance (ESG). 

ISIF riserva una forte attenzione ai rischi e le opportunità derivanti dai cambiamenti climatici secondo una prospettiva di lungo termine ponendosi due obiettivi:

  • capire la propria esposizione al carbonio misurando la carbon footprint in modo graduale e in relazione alla disponibilità e qualità dei dati,
  • mitigare la propria esposizione al carbonio, fissando un obiettivo di riduzione delle emissioni nel corso del tempo che consente di contribuire ad una transizione ordinata verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

Andrea Gasperini
Responsabile Aiaf “Mission Intangibles®”