Position Paper

In questa sezione sono raccolte le nostre proposte e le risposte ai documenti di consultazione elaborati dalla Associazione.

Documenti AIAF

maggio 2017 

L’AIAF e il suo ruolo nella Piazza Finanziaria italiana

Allegati: 
AllegatoDimensione
2017_Piazza finanziaria_documento_AIAF.pdf180.84 KB

16 settembre 2016

Documento di risposta alla consultazione CONSOB del 5 agosto riguardante le modifiche alla disciplina delle relazioni finanziarie periodiche introdotte dal D.Lgs. del 15 febbraio 2016, che recepisce la Direttiva 2013/50/UE

5 settembre 2016

Consultazione pubblica per l’attuazione della direttiva 2014/95/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 22 ottobre 2014, recante modifica della direttiva 2013/34/UE per quanto riguarda la comunicazione di informazioni di carattere non finanziario e di informazioni sulla diversità da parte di talune imprese e di taluni gruppi di grandi dimensioni

6 giugno 2016

Documento di risposta Consultazione pubblica per l’attuazione della direttiva 2014/95/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 22 ottobre 2014, recante modifica della direttiva 2013/34/UE per quanto riguarda la comunicazione di informazioni di carattere non finanziario e di informazioni sulla diversità da parte di talune imprese e di taluni gruppi di grandi dimensioni

Milano, 31 maggio 2016

Documento di risposta alla consultazione CONSOB riguardo alla modifica alla disciplina delle relazioni finanziarie periodiche introdotte dal D.Lgs. del 15 Febbraio 2016, n. 25, che recepisce la Direttiva 2013/50/UE 

Allegati: 
AllegatoDimensione
2016 Documento AIAF97.51 KB

20 gennaio 2016

Attuazione degli Orientamenti emanati dall’ESMA, nel quadro della Direttiva 2014/65/UE (c.d. MiFID II), in materia di valutazione delle conoscenze e competenze delle persone fisiche che, per conto dell’intermediario, forniscono ai clienti consulenza in materia di investimenti ovvero informazioni circa gli strumenti finanziari e i servizi offerti

Allegati: 

24 marzo 2015

AIAF per l’Italia: Il contributo AIAF per il rilancio della piazza finanziaria italiana

  • Il mercato borsistico: il processo di aggregazione delle piazze finanziarie all’estero di fatto rischia di ridurre le fonti di accesso al capitale di rischio in Italia, a causa della possibile prevalenza di interessi non coincidenti con lo sviluppo delle nostre imprese.
  • Il sostegno al capitale delle PMI: occorre creare le condizioni e rimuovere tutti gli ostacoli affinché un numero crescente di imprese possa accedere al mercato dei capitali in forma snella ed economica.
  • Il sostegno al finanziamento delle PMI: iniziative di sistema dovrebbero essere rivolte a favorire il finanziamento delle piccole e medie imprese a costi sostenibili e forme de-burocratizzate, anche attraverso un ruolo attivo degli intermediari finanziari.
  • Lo sviluppo dei minibond: nonostante i segnali incoraggianti del secondo semestre 2014, si tratta di uno strumento unico e potenzialmente prezioso per il finanziamento delle PMI, ma occorre un ulteriore contributo del sistema per la riduzione dei costi e soprattutto un investimento in formazione per superare la diffidenza delle imprese.
  • Il credito industriale e il ruolo delle banche: il modello di “banca universale” ha ridotto la specializzazione nell’attività di concessione del credito a medio e lungo termine finalizzato al sostegno degli investimenti delle imprese industriali. Occorre tornare a valorizzare questa attività  che, come noto, ha caratteristiche distintive rispetto a quella generica del finanziamento del capitale circolante delle imprese.
  • L’educazione finanziaria delle imprese: condizione essenziale per l’accesso diretto al mercato dei capitali è un’adeguata formazione delle imprese su costi, modalità e implicazioni relative, nonché delle esigenze di trasparenza e visibilità a tutela degli investitori e delle stesse imprese.
  • L’educazione finanziaria degli investitori: la complessità di alcuni strumenti finanziari e la necessità di tutelare il risparmio rende indispensabile un’approfondita  formazione in ambito finanziario, iniziando dalle scuole, con l’obiettivo di rendere le scelte cruciali per il benessere economico-sociale degli individui sempre più consapevoli.
  • L’informazione finanziaria in genere: una corretta formazione dei prezzi si basa sulla diffusione ampia e ordinata dell’informazione finanziaria, della quale vanno garantite la trasparenza e la qualità anche con un’adeguata formazione dei soggetti coinvolti.
  • L’analisi finanziaria: l’interpretazione, l’analisi e la rappresentazione di dati economico-finanziari rappresentano un contributo decisivo alla trasparenza e alla corretta valutazione di aziende, strumenti finanziari ed efficienza dei portafogli. Va riconosciuto il ruolo di chi svolge tali attività attraverso certificazioni di qualità e professionalità.
  • La consulenza sul risparmio: uno dei punti di forza del nostro Paese resta la ricchezza accumulata, che in termini netti e in rapporto al reddito disponibile lordo si attesta sui livelli più alti del mondo . Preservare tale punto di forza attraverso il riconoscimento di una consulenza professionale e di qualità rappresenta un obiettivo imprescindibile per preservare la solidità economica del nostro Paese.
Allegati: 
AllegatoDimensione
Il Decalogo AIAF68.72 KB

16 Novembre 2011

La crisi del debito sovrano in area euro: il punto di vista dell'AIAF

Il Position Paper contiene una serie di iniziative e proposte che prevedono azioni immediate e interventi a lungo termine. Va prevista una più radicale modifica dell'assetto istituzionale europeo che porti a una reale unione fiscale dei paesi dell'area euro. 

16, November 2011

AIAF Position Paper: the euro area sovereign debt crisis

The objective of this document is to propose viable solutions to overcome the sovereign debt crisis and strengthen the European economic-financial and institutional infrastructure. Italy’s being subject to financial market pressures means that a nodal point has been reached in the crisis; a point at which the scenario becomes at the same time polarised and dichotomised. The two possible outcomes are: 1) a strengthening of the economic union; 2) the dissolution of the monetary union.

Milano, 17 marzo 2009

Crisi finanziaria: le proposte dell'AIAF

Con il presente documento, AIAF desidera proporre all’attenzione delle Autorità e dell’opinione pubblica una serie di riflessioni e otto  suggerimenti volti a contrastare la crisi di fiducia che ancora pervade importanti segmenti dei mercati finanziari. L’Associazione ritiene, infatti, che in assenza di un rinnovato sistema di regole e di maggiore trasparenza nel sistema finanziario non sia possibile ristabilire le condizioni per un ordinato sviluppo dei mercati del capitali.

 

Allegati: