climate-change_ORSO.jpg

AIAF ESG DAILY NEWS
Climate Change

a cura dell'area Sostenibilità

 

Il cambiamento climatico e la necessaria transizione energetica, come indicato nel Green Deal dell’Unione Europea (UE), sono questioni chiare e ben note e la ripresa deve partire dall’economia reale e da quei settori che presentano attività sostenibili più giuste e inclusive per tutti a basso impatto ambientale e resilienti ai cambiamenti climatici.
Una maggiore disponibilità di informazioni e una migliore qualità dei dati delle società partecipate è fondamentale per supportare gli investitori e può aumentare il valore per gli azionisti a lungo termine.

Network for Greening the Financial System. Guide on climate-related disclosure for central banks

La guida è organizzata in tre capitoli e di seguito sono evidenziati per ogni capitolo i punti chiave: - Governance: divulgare l'approccio di alto livello ai rischi e alle opportunità legati al clima e alle strutture di governance legate al clima in materia di politica monetaria, gestione patrimoniale, stabilità finanziaria e operazioni interne. - Strategia: divulgare strategie per identificare, valutare e descrivere i rischi legati al clima, nonché qualsiasi adattamento di aree e funzioni ai rischi e alle opportunità legati al clima. - Gestione dei rischi: divulgare lo stato attuale della gestione dei rischi legati al clima, inclusa l'integrazione con la gestione dei rischi non legati al clima.

2021.12.23

One Planet Lab - November 2021. Blended finance for scaling up climate and nature investments

La crisi climatica e la perdita di biodiversità richiedono un'azione urgente. Il mondo ha bisogno di investimenti in uno stock di capitale più verde, nonché di politiche e innovazione migliori. Questo rapporto, che si basa sull'esperienza di un'ampia gamma di parti interessate, si concentra su come mobilitare finanziamenti privati verso gli investimenti verdi.

2021.12.15

GARP: Third annual global survey of climate risks management of financial firms

La Global Association of Risk Professionals (GARP) ha pubblicato la sua terza indagine globale annuale sulla gestione del rischio climatico presso le istituzioni finanziarie. Questo sondaggio mette in evidenza la crescente sofisticatezza della gestione del rischio climatico delle istituzioni finanziarie e il miglioramento nella quantificazione dei rischi. Le istituzioni continuano a notare molti ostacoli e sfide: la disponibilità di modelli affidabili è la preoccupazione più urgente per il maggior numero di organizzazioni, seguita dall'incertezza normativa. Data la natura dei mercati dei capitali, le istituzioni finanziarie sono abituate a lavorare con informazioni imperfette ma è necessario diventino più facilmente accessibili, le analisi devono essere più granulari e la precisione delle valutazioni deve migliorare.

2021.11.18

JFAR Risk Perspective 2021

Il Joint Forum on Actuary Regulation (JFAR) una collaborazione unica tra regolatori finalizzata a coordinare gli obiettivi dei regolatori membri, per l'identificazione e analisi dei rischi di interesse pubblico dove è rilevante il lavoro degli attuari alla quale partecipano il Financial Reporting Council, il Financial Conduct Authority, l’Institute and Faculty of Actuaries, il The Pensions Regulator, e la Prudential Regulation Authority (Bank of England) hanno approvato la costituzione di una task force per indagare, segnalare e pubblicare un approfondimento sulla scienza del cambiamento climatico.

2021.11.15

CLIMATE FINANCIAL RISK FORUM GUIDE 2021. SCENARIO ANALYSIS. October 2021

Il Forum sul rischio finanziario climatico (CFRF) - Financial Conduct Authority (FCA) e l'Autorità di regolamentazione prudenziale (PRA) - ha pubblicato una serie di documenti correlati ai rischi climatici ed in particolare questo presenta una guida pratica su come usare la “scenario analysis” per valutare i rischi finanziari correlati al clima che le imprese possono adottare nelle loro decisioni strategiche di business. Fornisce ulteriori indicazioni su casi reali di banche, assicurazioni e società di gestione patrimoniale su come identificare potenziali esposizioni a rischi legati al clima e valutarne l'impatto finanziario utilizzando gli scenari più recenti sviluppati dalla Central Banks and Supervisors Network for Greening the Financial System (NGFS) nonché come utilizzare l'analisi di scenario per misurare l'allineamento del portafoglio con l'accordo di Parigi.

2021 novembre

The Law Society of England and Wales. Climate change resolution

La risoluzione sui cambiamenti climatici pubblicata dalla UK Law Society esorta gli avvocati a: 1. impegnarsi in una pratica legale consapevole del clima spinge a pensare a come identificare i rischi inerenti il cambiamento climatico, le responsabilità e le potenziali linee d'azione più ecologiche. 2. Affrontare qualsiasi questione che si presenti nel corso della pratica legale per quanto riguarda il probabile impatto di tale questione sulla crisi climatica. 3. Fornire ai propri clienti una consulenza competente su i) come possono conseguire i loro obiettivi in modo da mitigare gli effetti della crisi climatica e promuovere l'adattamento ai cambiamenti climatici e ii) i potenziali rischi e responsabilità legali che possono derivare da azioni o inazioni che contribuiscono negativamente alla crisi climatica.

2021 novembre

European Banking Autority (EBA) - Mapping climate risk: Main findings from the EU-wide pilot exercise

Una prima mappatura sui livelli di esposizione delle banche europee ai rischi derivanti dai cambiamenti climatici è stata pubblicata da EBA a maggio 2021 al fine di valutare quali sono i metodi e gli strumenti di classificazione dei rischi climatici utilizzati da parte degli istituti. Da tale studio risulta che: - le banche esaminate hanno il 58% delle esposizioni verso non PMI in settori ad alto rischio di transizione climatica - una stima del Green Asset Ratio (GAR) è pari, in aggregato, al 7.9%.

2021 ottobre

FIDUCIARY DUTIES AND CLIMATE CHANGE IN THE UNITED STATES. Sarah Barker, Cynthia Williams and Alex Cooper. October 2021

Questo rapporto fornisce una panoramica delle prove contemporanee che il cambiamento climatico e la transizione verso un'economia a emissioni zero presentano rischi finanziari prevedibili, materiali e sistemici che influenzeranno le società. Stabilisce le circostanze pratiche in cui il mancato rispetto da parte di amministratori o funzionari di un'adeguata considerazione delle questioni relative ai cambiamenti climatici potrebbe non soddisfare lo standard di condotta richiesto per adempiere ai propri doveri e portare a potenziali contenziosi ed esposizioni di responsabilità.

2021 ottobre

Intesa Sanpaolo. TCFD report 2020/2021

Intesa Sanpaolo ha pubblicato il suo primo TCFD Report, che fa riferimento al periodo 2020-2021, ed è stato redatto secondo le raccomandazioni della Task Force on Climate-related Financial Disclosures: il Report, che rappresenta una rendicontazione volontaria in materia di rischi e opportunità legati ai cambiamenti climatici, è in linea con le best practice internazionali e risponde alla crescente sensibilità al tema di tutti gli stakeholder.

2021 ottobre

Stepping from Enterprise Value to Double Materiality. By Emmy Hawker

Il Regno Unito ha annunciato questa settimana che si sta unendo all'Europa nel richiedere agli investitori e alle aziende di rendicontare sia sul loro impatto sull'ambiente sia sull'impatto dell'ambiente. Tale concetto è noto con il termine di doppia materialità. Un approccio riferito alla doppia materialità nella rendicontazione di sostenibilità è sempre più apprezzato anche dagli asset owner, in quanto garantisce ampia visibilità dell'esposizione e dell'impatto delle società partecipate sui fattori ambientali e sociali (sia positivi che negativi), comunicando così le loro decisioni di investimento.

2021 ottobre

Climate Financial Risk Forum Guide 2021 - Managing legal risk

Il Climate Financial Risk Forum (CFRF) ha pubblicato una guida pratica che dettaglia le migliori pratiche, gli strumenti pratici e le raccomandazioni per le società finanziarie per aiutarle ad adattare i loro rischi, la strategia, la divulgazione e i processi decisionali. Argomenti trattati sono: - Sfide della rendicontazione climatica specifica per le istituzioni finanziarie. - Quali sono i rischi e le responsabilità associati alle mancate segnalazioni per gli istituti finanziari? - Gestire i rischi nella segnalazione e negli approcci alle buone pratiche.

2021 ottobre

Implementing the Raccomendations of the Task Force on Climate-related Finacial Disclosure (TCFD)

Quest'anno, TCFD ha modificato le proprie raccomandazioni per la prima volta da quando sono state lanciate nel giugno 2017 per includere i piani di transizione. Questi cambiamenti e le linee guida aggiuntive pubblicate oggi (Annex: Implementing the Recommendations of the Task Force on Climate-related Financial Disclosures, 2021 e Guidance on Metrics, Targets, and Transition Plans, 2021) sono necessarie per supportare coloro che predispongono i bilanci.

2021 ottobre

BCE: La road map sui test per i rischi climtici

Presentata dalla BCE la road map del primo stress test sui rischi climatici con un approccio qualitativo che verrà condotto tra marzo e luglio 2022 senza impatto diretto sui requisiti prudenziali del capitale di vigilanza. Lo stress test è suddiviso in tre moduli. - Module 1: Qualitative questionnaire - Le domande di questo modulo riguardano informazioni qualitative sulle pratiche correnti delle banche, ossia basate sullo status quo della banca nel momento in cui viene eseguito questo stress test. - Module 2: Climate risk metrics - Le metriche sono state progettate per far luce sulle capacità analitiche e di dati delle banche in merito al rischio climatico. Più specificamente, le metriche forniscono approfondimenti sulla sensibilità del reddito delle banche al rischio di transizione, sulla loro esposizione a industrie ad alta intensità di carbonio e consentono di apprezzare la sostenibilità del modello di business delle banche. - Module 3: Bottom-up stress test projections - Scopo di questa sezione è descrivere la metodologia e i requisiti per i dati e le proiezioni del punto di partenza che le banche devono fornire per gli esercizi di stress test bottom-up focalizzati sul rischio di transizione con impatto sui prestiti, bond ed azioni e il rischio fisico con impatto sul rischio di credito dei prestiti.

2021 ottobre

Avviso COP26: le società quotate mondiali causeranno un aumento della temperatura di 3°C

NEW YORK – 12 ottobre 2021 – Gli obiettivi climatici dell'Accordo di Parigi sono sempre più fuori portata poiché le società quotate in borsa del mondo e faranno aumentare le temperature globali di 3°C, secondo l'ultimo MSCI Net-Zero Tracker. The MSCI Net-Zero Tracker October 2021

2021 ottobre

IEA: World Energy Outlook 2021

Una nuova economia energetica sta emergendo in tutto il mondo mentre il solare, l'eolico, i veicoli elettrici e altre tecnologie a basse emissioni di carbonio prosperano. Ma con l'avvicinarsi del momento cruciale della COP26, il nuovo World Energy Outlook della IEA chiarisce che questo progresso nell'energia pulita è ancora troppo lento per mettere le emissioni globali in declino sostenuto verso net-zero, evidenziando la necessità di un segnale inconfondibile di ambizione e azione da parte dei governi a Glasgow.

2021 ottobre

PRI Flying blind. The glaring absence of climate risks in financial reporting

Lo studio “Flying Blind” pubblicato da Carbon Tracker Initiative in collaborazione con il PRI esamina oltre cento aziende quotate in borsa ad alta intensità di carbonio se considerano i rischi climatici materiali nel loro Financial report. Valuta inoltre se le preoccupazioni degli investitori sull’allineamento di ipotesi e stime all’accordo sul clima di Parigi 2015 sono state affrontate. In questo contesto, lo studio valuta anche l’attività delle società di revisione.

2021 ottobre

Agenzia internazionale per l'energia (IEA): “Global Hydrogen review 2021”

Il report “Global Hydrogen review 2021”, è il risultato della Clean Energy Ministerial Hydrogen Initiative (CEM H2I) e ha lo scopo di informare gli stakeholder del settore energetico sullo stato e prospettive future dell'idrogeno. - I governi devono intraprendere azioni rapide per abbassare le barriere che trattengono l'idrogeno a basse emissioni di carbonio da una crescita più rapida. - La domanda di idrogeno si è attestata nel 2020 a 90 Mt, praticamente tutti per raffinazione e applicazioni industriali e prodotti quasi esclusivamente da combustibili fossili. - Circa 350 progetti attualmente in fase di sviluppo potrebbero portare la capacità globale fino a 54 GW entro il 2030 e altri 40 progetti che rappresentano oltre 35 GW di capacità sono nelle prime fasi di sviluppo. - L'Europa è leader nell'implementazione della capacità di elettrolizzatore, con il 40% della capacità installata globale, ed è destinata a rimanere il più grande mercato nel breve termine. - Il Canada e gli Stati Uniti guidano la produzione di idrogeno da combustibili fossili con utilizzo e stoccaggio della cattura del carbonio (CCUS), con oltre l'80% della capacità produttiva globale.

2021 ottobre

European Banking Autority (EBA) - Mapping climate risk: Main findings from the EU-wide pilot exercise

Una prima mappatura sui livelli di esposizione delle banche europee ai rischi derivanti dai cambiamenti climatici è stata pubblicata da EBA a maggio 2021 al fine di valutare quali sono i metodi e gli strumenti di classificazione dei rischi climatici utilizzati da parte degli istituti. Da tale studio risulta che: - le banche esaminate hanno il 58% delle esposizioni verso non PMI in settori ad alto rischio di transizione climatica - una stima del Green Asset Ratio (GAR) è pari, in aggregato, al 7.9%.

2021 ottobre

EFRAG - Basis for conclusions accompanying the ‘Climate standard prototype’

Il Cluster 2 della Task Force di EFRAG che si occupa dell’elaborazione degli standard europei di rendicontazione della sostenibilità (PTF-ESRS) ha reso pubblico il documento di lavoro “Basis for Conclusions” che deve essere letto congiuntamente con il precedente documento “Climate standard Prototype” pubblicato in data 8 Settembre 2021. Il documento “Basis for Conclusions” riassume le considerazioni del Cluster 2 per lo sviluppo del contenuto proposto del futuro standard climatico. Mira a giustificare le opzioni adottate riferite agli obblighi di informativa e i riferimenti proposti esponendone la logica. Più specificamente, descrive perché devono essere richieste le informazioni (obiettivo e ambito della norma, background, riferimenti ai principali framework UE e internazionali e attenzione alle esigenze degli utenti), cosa e come dovrebbero essere comunicate.

2021 settembre

Institutional Investors Group on Climate Change (IIGCC) - Building Resilience to a Changing Climate: Investor Expectations of Companies on Physical Climate Risks and Opportunities

1. Gli investitori, i regolatori e i policy maker riconoscono sempre più che i rischi climatici fisici possono avere un impatto finanziario significativo sui loro portafogli di investimento. – 2. Una maggiore disponibilità di informazioni e una migliore qualità dei dati delle società partecipate è fondamentale per supportare gli investitori e può aumentare il valore per gli azionisti a lungo termine. – 3. Il coinvolgimento degli investitori con le società partecipate è fondamentale. Per supportare questo, i membri dell'IIGCC hanno prodotto questa guida che stabilisce le aspettative degli investitori delle società partecipate in merito alla governance, alla valutazione, alla gestione e alla comunicazione dei rischi climatici e delle opportunità.

2021 settembre

ECB economy-wide climate stress test. Methodology and results

Questo documento descrive lo stress test climatico a livello di economia della BCE, che è stato sviluppato per valutare la resilienza delle società non finanziarie (NFC) e delle banche dell'area dell'euro ai rischi climatici, in base a varie ipotesi in termini di future politiche climatiche. Questo stress test comprende tre pilastri principali: 1. scenari climatici specifici per proiettare le condizioni climatiche e macroeconomiche nei prossimi 30 anni; - 2. un set di dati completo che combina informazioni climatiche e finanziarie per milioni di società in tutto il mondo e circa 1.600 banche consolidate dell'area dell'euro; - 3. una nuova serie di modelli specifici per il clima per catturare i canali di trasmissione diretta e indiretta dei fattori di rischio climatico per le imprese e le banche.

2021 settembre

WORLD BANK GROUP -Climate change Action Plan 2021 - 2025

Il piano d'azione per il cambiamento climatico 2021-2025 mira a promuovere gli aspetti relativi al cambiamento climatico dell'approccio dello sviluppo verde, resiliente e inclusivo (GRID) del WBG, che persegue l'eliminazione della povertà e prosperità condivisa con una lente di sostenibilità. Nel piano d'azione, sosterremo i paesi e i clienti del settore privato per massimizzare l'impatto dei finanziamenti per il clima, puntando a miglioramenti misurabili nell'adattamento e resilienza e riduzioni misurabili delle emissioni di gas ad effetto serra.

2021 settembre

Chatham House: Climate change risk assessment 2021

I rischi si stanno aggravando, e senza un’azione immediate gli impatti saranno devastanti: - Se l’impegno politico, la diffusione di tecnologie a basse emissioni di carbonio e gli investimenti seguono le tendenze attuali, è probabile un riscaldamento di 2,7 ° C entro la fine di questo secolo ed è possibile un caso peggiore plausibile di 3,5 ° C (10% di probabilità). - Qualsiasi ricaduta o stasi nelle politiche di riduzione delle emissioni potrebbe portare a un plausibile caso peggiore di 7 ° C di riscaldamento entro la fine del secolo (10% di probabilità). - Se le emissioni seguono la traiettoria attuale, c'è meno dell'1% di possibilità di raggiungere l'obiettivo di 1,5 ° C dell'accordo di Parigi. - Se le emissioni non scenderanno drasticamente prima del 2030, entro il 2040 circa 3,9 miliardi di persone probabilmente subiranno grandi ondate di calore, 12 volte di più della media storica. - Entro il 2030, il numero di persone sul pianeta esposte allo stress da calore che supera la soglia di sopravvivenza probabilmente supererà i 10 milioni all'anno.

2021 settembre

Clima, gli scienziati dell'Ipcc ci hanno detto tutto

Il 9 agosto l’Ipcc, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite, ha pubblicato la conclusione della prima parte del sesto rapporto di valutazione (Ar6). I 234 scienziati provenienti da 66 paesi che hanno firmato il rapporto ci avvertono infatti che: - L’umanità è “inequivocabilmente” colpevole per i cambiamenti climatici. - Eventi estremi colpiscono già ogni angolo del Pianeta, e saranno la nuova normalità. - Alcuni cambiamenti sono già irreversibili (innalzamento dei mari, acidificazione e aumento della temperatura degli oceani, fusione dei ghiacci). - Dobbiamo agire ora per raggiungere, e non sfondare, 1,5 gradi per evitare conseguenze irreversibili. - La Cop 26 a Glasgow di novembre è l’ultimo appuntamento utile per prendere decisioni definitive

2021 agosto

Clima, gli scienziati dell’Ipcc ci hanno detto tutto

Il 9 agosto l’Ipcc, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite, ha pubblicato la conclusione della prima parte del sesto rapporto di valutazione (Ar6). I 234 scienziati provenienti da 66 paesi che hanno firmato il rapporto ci avvertono infatti che: - L’umanità è “inequivocabilmente” colpevole per i cambiamenti climatici. - Eventi estremi colpiscono già ogni angolo del Pianeta, e saranno la nuova normalità. - Alcuni cambiamenti sono già irreversibili (innalzamento dei mari, acidificazione e aumento della temperatura degli oceani, fusione dei ghiacci). - Dobbiamo agire ora per raggiungere, e non sfondare, 1,5 gradi per evitare conseguenze irreversibili. - La Cop 26 a Glasgow di novembre è l’ultimo appuntamento utile per prendere decisioni definitive

2021 agosto

European firms and climate change 2020/2021: Evidence from the EIB Investment Survey

Il cambiamento climatico pone due tipi di rischi per le imprese: rischi fisici diretti e rischi di transizione. Rischi fisici, come quelli causati da eventi meteorologici acuti, sono più facili da osservare e comprendere per le aziende. I rischi di transizione sono meno evidenti, in quanto dipendono dagli impegni globali per ridurre le loro economie dalla dipendenza dai combustibili fossili.

2021 agosto

La BCE prevede di assumere uno scienziato del clima

Il candidato prescelto entrerà a far parte del Centro per i cambiamenti climatici della BCE, che riferisce direttamente alla presidente Christine Lagarde

2021 agosto

FINMA specifies transparency obligations for climate risks

Le banche e le assicurazioni sono tenute ad informare il pubblico adeguatamente sui propri rischi. Questi includono anche le conseguenze del cambiamento climatico, che potrebbe comportare rischi finanziari significativi per istituzioni finanziarie a lungo termine. La FINMA (Switzerland’s independent financial-markets regulator) richiede alle grandi banche e assicurazioni di fornire informazioni qualitative e quantitative in questo settore e sta modificando le sue circolari sulla disclosure.

2021 giugno

Quali sono i migliori progetti di cattura e stoccaggio del carbonio in tutto il mondo?

Secondo il Global CCS Institute, gli impianti di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS) sono considerati fattori chiave per la riduzione delle emissioni, con 18 degli impianti CCS su larga scala al mondo che attualmente catturano circa 40 milioni di tonnellate all'anno (Mtpa) di anidride carbonica (CO2).

2021 luglio

American Retirement Association (ARA) precisa alla SEC

E’ essenziale definire informazioni chiare e coerenti sui cambiamenti climatici che gli investitori possono facilmente comprendere e confrontare. - Sviluppare requisiti di informativa che tengano conto della più ampia gamma di investitori, coerente con la missione della SEC e nel migliore interesse dello stato generale di i mercati finanziari

2021 giugno

Climate Claims against Governments in Europe

Negli ultimi anni, diverse iniziative in tutta Europa hanno messo in discussione le politiche governative sui cambiamenti climatici. A cominciare dai casi storici di Urgenda nei Paesi Bassi e di Friends of the Environment in Irlanda il contenzioso sul clima ha guadagnato slancio nel convincere i governi a implementare una legislazione sul clima più ambiziosa finalizzata a garantire il rispetto dell'accordo di Parigi.

2021 luglio

Canadian Institute for Climate Choices: Les changements climatique une menace pour la santé publique

"Il cambiamento climatico è una minaccia non solo per l'ambiente e l'economia, ma anche per la salute pubblica", si legge nel rapporto di 78 pagine del Canadian Climate Choices Institute (ICCC), un organismo indipendente la cui missione è guidare "le scelte climatiche che ci attendono per il Canada". Tuttavia, queste "minacce" aumenteranno nei prossimi decenni e il Canada e le sue province non sono pronti ad affrontarle, si conclude.

2021 giugno

Legge europea sul clima

Il Consiglio europeo ha annunciato lunedì 28 giugno l'adozione della legge europea sul clima, che fissa nella legislazione l'obiettivo dell'UE di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. La legge sul clima è un elemento centrale del Green Deal europeo, la strategia dell'UE per trasformare la regione in un'economia moderna, efficiente sotto il profilo delle risorse e competitiva, attraverso un pacchetto di misure che vanno dalla riduzione ambiziosa delle emissioni di gas a effetto serra, agli investimenti nella ricerca e nell'innovazione all'avanguardia, alla conservazione dell'ambiente naturale europeo. Oltre all'obiettivo per il 2050, la nuova legislazione fissa anche un obiettivo vincolante dell'UE in materia di clima per ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra (GHG) di almeno il 55% entro il 2030 rispetto al 1990. L'obiettivo per il 2030 era stato inizialmente proposto nel settembre 2020 dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen,rispetto al precedente obiettivo del 40% entro il 2030

2021 giugno

THE ECONOMIST: Italy and the climate change

How green in my Draghi?

2021 giugno

La politica climatica del governo italiano contestata in tribunale

Lo Stato italiano è stato citato in giudizio per violazione dei suoi obblighi in materia di clima, la causa è finalizzata a contestare, tra l'altro: - insufficienti azioni dello Stato in materia di clima (ad esempio, insufficiente riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (GHG) dai livelli del 1990 ad oggi) in violazione di molteplici obblighi derivanti da trattati internazionali, regolamenti dell'UE e leggi nazionali; - mancanza di misure adeguate che avrebbero dovuto essere attuate dallo Stato italiano per far fronte al rapido peggioramento dell'emergenza climatica; e - conseguente violazione dei diritti umani fondamentali di proprietà dei cittadini italiani.

2021 giugno

Bank of England: Climate Biennial Exploratory Scenario (CBES)

Queste linee guida coprono il 60% del mercato assicurativo. Si tratta di un esercizio unico in termini di portata e ambizione e questo stress test vuole essere un esercizio di apprendimento. Si prevede che le aziende capiranno meglio come i rischi legati al clima influenzeranno il loro modello di business, la dimensione della sfida che dovranno affrontare in futuro e aiuterà i partecipanti a migliorare la loro gestione dei rischi finanziari legati al clima.

2021 giugno

US Leaders Summit on Climate

1. Gli Stati Uniti possono trasformarsi in un leader climatico e sbloccare ampie opportunità imponendo un percorso verso emissioni nette di CO2. – 2. Il Clean Air Act fornisce uno strumento per regolare i gas ad effetto serra e stimolare la decarbonizzazione nazionale e globale urgentemente necessaria.

2021 maggio

Linee guida del Giappone: Finanza per la transizione climatica

L’Agenzia per i servizi finanziari, il METI e il Ministero dell'Ambiente hanno pubblicato oggi le linee guida giapponesi per il finanziamento della transizione climatica. Si tratta di una guida finanziaria per ogni emettitore di carbonio per progettare un percorso credibile verso l'obiettivo della neutralità climatica al 2050.

2021 maggio

US Leaders Summit on Climate

1. Gli Stati Uniti possono trasformarsi in un leader climatico e sbloccare ampie opportunità imponendo un percorso verso emissioni nette di CO2. – 2. Il Clean Air Act fornisce uno strumento per regolare i gas ad effetto serra e stimolare la decarbonizzazione nazionale e globale urgentemente necessaria.

2021 maggio

CDSB: Decision-useful climate-related information for investors

1.Gli investitori vogliono vedere che si stanno compiendo i passi giusti con le questioni legate al clima e che esiste un chiaro percorso verso la segnalazione completa della TCFD; - 2. Relazioni qualitative e quantitative; - 3. Informazioni relative al clima specifiche per l'azienda; 4. Utilizzare metodologie standardizzate per metriche e analisi degli scenari; 5. Integrare le tematiche relative al clima nel reporting annuale.

2021 maggio

Lotta ai cambiamenti climatici: regolamenti e sanzioni

I nuovi regolamenti sollevano la questione delle relative sanzioni legali, con il mancato rispetto delle nuove normative nel campo della finanza sostenibile che porta a sanzioni finanziarie sempre maggiori, per non parlare dei gravi danni alla reputazione delle società non conformi.

2021 maggio

EU CLIMATE LAW ADOPTED: Sustainability Accounting Standards Board's (SASB) “Climate Risk Technical Bulletin” 4/2021

La legge europea sul clima trasforma gli obiettivi del Green Deal europeo in obblighi legali di ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra di almeno il 55% entro il 2030 raggiungendo la neutralità climatica entro il 2050. Tale accordo introduce anche: - un processo per fissare un obiettivo climatico per il 2040 - un impegno a favore delle emissioni negative dopo il 2050 - l'istituzione del comitato consultivo scientifico europeo sui cambiamenti climatici - disposizioni più forti sull'adattamento ai cambiamenti climatici

2021 aprile

Luis de Guindos, vicepresidente della BCE

Luce sui rischi climatici: la prova di stress climatico a livello economico della BCE. E’ urgente passare a un'economia più verde, non solo per garantire il rispetto degli obiettivi dell'accordo di Parigi, ma anche per limitare le perturbazioni a lungo termine per le nostre economie, le nostre imprese e i nostri mezzi di sussistenza.

2021 marzo

PROMETEIA: Assessing climate risks in the Italian financial sector

Il documento fornisce una valutazione della rilevanza dei rischi climatici per il sistema finanziario italiano, compresi i settori bancario, assicurativo e dei fondi pensione. Vengono proposti cinque scenari macroclimatici e vengono valutate le loro implicazioni sulla redditività e sui profili di rischio delle attività del settore non finanziario detenute nel portafoglio delle istituzioni finanziarie.

2021 febbraio

Cambiamento climatico: cosa fa la BCE

1. ANALISI ECONOMICA: Gli esperti della BCE assicurano che il cambiamento climatico venga preso in considerazione nei modelli macroeconomici, nei metodi di previsione e nelle valutazioni dei rischi. – 2. VIGILANZA BANCARIA: I responsabili della vigilanza si adoperano per sensibilizzare le banche riguardo ai rischi derivanti dal cambiamento climatico. - 3. POLITICA MONETARIA E PORTAFOGLI DI INVESTIMENTO: Nel quadro dei programmi di acquisto di attività della BCE investe in obbligazioni verdi, tenendo conto altresì della necessità di evitare distorsioni del mercato. – 4. STABILITA’ FINANZIARIA: Gli esperti di stabilità finanziaria misurano e valutano i rischi che il cambiamento climatico comporta per il sistema finanziario.

2021 febbraio

La BCE istituisce un centro sul cambiamento climatico

La Banca centrale europea (BCE) ha deciso di creare un centro sul cambiamento climatico per riunire il lavoro sulle questioni climatiche in diverse parti della banca. Questa decisione riflette la crescente importanza del cambiamento climatico per l'economia e la politica della BCE, nonché la necessità di un approccio più strutturato alla pianificazione strategica e al coordinamento

2021 gennaio

FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE: Dashboard degli indicatori dei cambiamenti climatici

La dashboard degli indicatori dei cambiamenti climatici è un'iniziativa statistica internazionale volta ad affrontare la crescente necessità di dati relativi al clima utilizzati nell'analisi delle politiche macroeconomiche e finanziarie. Guidato dal Dipartimento di Statistica (STA) del FMI il Dashboard mira a diventare un aggregatore completo per indicatori statistici sui cambiamenti climatici, le emissioni di gas a effetto serra derivanti dall'attività economica, il commercio di beni ambientali, la finanza verde, le politiche governative e i rischi fisici e di transizione.

2021

FINANCIAL STABILITY BOARD: Climate Change

Questo documento indaga le potenziali implicazioni che il cambiamento climatico può avere per la stabilità finanziaria ed esplora i canali attraverso i quali i rischi legati al clima potrebbero avere un impatto sul sistema finanziario.

2020 novembre

Financial Stability Board novembre 2020

Il rapporto del Financial Stability Board di novembre 2020 include alle pagine 58/59 una breve analisi “The Implications of Climate Change for Financial Stability” in cui vengono analizzati gli impatti dei rischi legati al clima per la stabilità finanziaria Questi eventi di repricing e le perdite dirette associate ai rischi climatici possono comportare una maggiore frequenza e gravità degli shock finanziari.

2020 novembre

Global Federation of Insurance Associations

Climate Change, cosa può fare l'assicurazione? GFIA in un position paper invita i decisori politici mondiali a collaborare con l'industry per mettere in campo strategie di adattamento e mitigazione del cambiamento climatico, sfruttando il grande patrimonio di dati e l'expertise sviluppato negli anni dal settore.

2020 ottobre